Le tisane che migliorano la forma e bellezza del fisico

La natura e le erbe ci mettono a disposizione moltissime proprietà che sono utilissime per il nostro benessere e la nostra salute. Proprio per questo le tisane sono ottime alleate per la nostra bellezza. Per chi segue una dieta equilibrata e fa regolarmente sport le tisane possono completare il quadro. E’ importante, però, sapere quali scegliere e quali erbe fanno al caso di ciascuno. E’ utile anche, con l’aiuto di un erborista, creare magari una tisana personalizzata, che contenga le erbe migliori per ciascuno a seconda della sua condizione e dell’obiettivo che vuole raggiungere.

Le tisane sono molto comode perché permettono di raggiungere il giusto grado di idratazione dell’organismo. Bisogna bere circa due litri di acqua al giorno, ma non sempre si riesce o ci si ricorda: la tisana aiuta a integrare questo valore, grazie anche al suo sapore aromatico e più interessante di quello della semplice acqua.
Per scegliere la tisana che fa al caso nostro bisogna conoscere le erbe e le proprietà di ciascuna, che agiscono su problemi e aspetti diversi.

Vediamo, per esempio, alcune ricette per realizzare tisane diverse dal sapore caratteristico e dagli effetti stupefacenti.

La tisana Detox è molto utile per eliminare le tossine dal corpo, che si possono accumulare in periodi particolati caratterizzati da alti fattori di stress, quali il lavoro o lo studio, o per via di un’infezone o di una cattiva alimentazione. E’ perfetta, per esempio, nei cambi di stagione. Per realizzare una perfetta tisana detox sono necessari: tarassaco, calendula, anice stellato, rosmarino, bardana e cicoria. Va bevuta con regolatirà e gli effetti sulla tonicità del fisico e sulla lumnosità della pelle saranno presto visibili. Ottimo in questo caso è l’oolong tea  la cui proprietà stimolante, grazie al contenuto di caffeina, aumenta il metabolismo del corpo con un effetto positivo sulla riduzione del peso corporeo.

Maggiori informazioni

Zenzero e limone: scopri come ricaricarti e curare la tua salute

Ti sarà capitato di sentir parlare dell’importanza di bere acqua calda e limone la mattina appena svegli, prima ancora di aver fatto colazione. Ma non è tutto, perché per ottenere ulteriori benefici che scopriremo insieme è bene abituarsi a consumare una tisana con limone e zenzero. Un uso costante di questo rimedio naturale ti permetterà in primo luogo di rafforzare il sistema immunitario, e soprattutto di aiutare il tuo corpo a perdere anche peso, lavorando sulla digestione, sulla bellezza della pelle e sulla pulizia dell’organismo dalle tossine.

Lo zenzero è una preziosa radice che ha potere antinfiammatorio ed essendo proprio naturale sarà privo di effetti collaterali che spesso accompagnano i farmaci e le soluzioni medicinali. Si tratta semplicemente di una spezia che accelera il tuo metabolismo lavorando sull’attività degli enzimi digestivi e controllando glicemia e colesterolo. Il succo di limone invece presenta alti livelli di potassio e vitamina C è diuretico e riesce a sostenere il fegato e i reni nella fase utile per eliminare le tossine.

Unendo insieme questi ingredienti come puoi leggere alla pagina http://www.estrattoredisuccoafreddo.it/ricette/tisana-allo-zenzero-limone/ si potranno così ottenere delle proprietà essenziali per l’organismo senza dimenticare che anche il sapore risulta essere estremamente piacevole: dolce, al profumo di agrumi con un tocco piccantino alla fine.

Maggiori informazioni

Piadina Salmone e Squacquerone e un assaggio di Bonci!

Oggi piadina con salmone e squacquerone, una ricetta semplice per un salva-cena veloce ma gustoso oppure un’idea sfiziosa per un aperitivo. Io l’ho servita a spicchi come fosse un pane arabo ripieno! Può essere farcita a piacere, con formaggi e salumi oppure la versione vegetariana con verdure grigliate.
2 piadine biologiche all’olio extravergine d’oliva
180 g salmone affumicato norvegese
150 g squacquerone
aneto oppure rucola
Scaldate una padella antiaderente e quando è ben calda adagiate la piadina e fatela cuocere per pochi minuti su entrambi i lati. Una volta pronta spostatela su un piatto e farcitela con squacquerone e il salmone a fette e qualche ciuffetto di aneto, o rucola se preferite. Nel frattempo fate scaldare anche la seconda piadina e poi andate a coprire la base con il ripieno. Dividete la piadina a spicchi e servitela subito! Enjoy your Piadina with Smoked Salmon and Squacquerone Cheese!

Angel Food Muffin con Bacche di Goji

Soffici, morbidissimi e dalla consistenza quasi impalpabile.. questi muffin sono stati una grande scoperta! La ricetta è quella della bravissima Laurel Evans (del blog “un’americana in cucina“), da cupcakes sono diventati muffin e in più ho aggiunto le bacche di Goji, un prezioso alleato per il nostro benessere!
Ingredienti per 12 muffin:
85 g farina
130 g zucchero
6 albumi
2 g cremor tartaro
1 pizzico di sale
1 stecca di vaniglia
bacche di Goji essicate q.b.
In una ciotola con la frusta elettrica sbattete gli albumi con lo zucchero e il cremor tartaro. Aggiungete 65 g di zucchero, un poco alla volta, e la vaniglia continuando a sbattere fino ad ottenere degli albumi montati a neve ben ferma.
Quindi unite al composto anche la farina e il restante zucchero con un setaccio e incorporateli agli albumi mescolando dal basso verso l’alto. Per ultimo aggiungete le bacche di Goji.
Versate il composto begli appositi stampini per muffin e cuocete a forno ventilato a 160° per circa un quarto d’ora. Controllate la cottura con uno stuzzuchino.

Plumcake arancio e semi di papavero

Una ricetta light per iniziare bene la giornata e non sentirsi troppo in colpa davanti allo specchio.. Natale si sta avvicinando ed è meglio non strafare in questo periodo pre-abbuffate!
 Un plumcake molto morbido, profumato e dal gusto delicato. La ricetta l’ho presa da “Semplicemente Light” e non ho fatto alcuna modifica (a parte la fialetta all’aroma di arancio che non amo)
25o gr farina 00
1 bustina di lievito
150 gr zucchero
succo di 2 arance e la buccia grattugiata
2 uova
60 gr olio di semi
1 cucchiaio di semi di papavero
In una ciotola amalgamate bene lo zucchero con le uova. Poi aggiungete l’olio, la buccia delle arance e il loro succo e mescolate.

Setacciate la farina e aggiungetela al composto con il lievito e i semi di papavero, continuando ad amalgamare.

Foderate uno stampo da plumcake (io di solito uso la carta da forno bagnata e strizzata per bene) e versate il composto.
Infornate a 180° per 30 minuti circa, lasciate raffreddare un poco e… Enjoy your cake!

Bilancia da cucina elettronica: prezzo e consigli utili

Vogliamo addentrarci nel settore delle bilance elettroniche da cucina, un mondo che presenta una grande quantità di modelli per riuscire ad assecondare le esigenze più disparate. In base al tipo di utilizzo che vorrai farne sarà possibile affidarsi a un prodotto che lavori alla massima precisione. Il numero di funzioni, insieme ai materiali usati per crearlo vanno a influenzare il rapporto qualità / prezzo. Tra questo vi è la capacità di trasformare l’unità di misura attraverso un tasto: pratico e veloce. Ad affiancare tale funzione troverai spesso lo spegnimento automatico e la funzione tara nei modelli più e meno evoluti.

 Quali aspetti considerare?

Se il design e l’aspetto di una bilancia da cucina possono essere considerati due fattori secondari e del tutto personali, la capacità è un punto importantissimo dal quale iniziare la fase di ricerca. La grandezza della piattaforma è utile per permetterti di pesare anche prodotti, alimenti o oggetti che siano molto più voluminosi. L’accuratezza della scala invece ti permetterà di capire quanto possa essere precisa una bilancia: l’errore di scarto dovrà sempre essere ridotto al minimo se vogliamo ottenere ricette perfette. Non a caso una bilancia elettronica sfrutta un limite di lettura della scala che viene misurato al grammo e in alcuni casi addirittura al decimo di grammo.

A questo  proposito, si evidenzia che nelle bilance digitali è generalmente presente una funzione piuttosto importante, e cioè la tara. È così possibile pesare gli ingredienti senza doverli togliere dal piatto: si azzera di volta in volta il loro peso per poi passare a quello successivo.

Maggiori informazioni

Radiatori con Fave e Prosciutto

Una ricetta sfiziosa con le fave, legumi ricchi di proteine, fibre, vitamine e soprattutto di stagione! Un primo piatto primaverile arricchito con il prosciutto cotto e l’uovo per una “finta carbonara”!

radiatoripart

Per questa ricetta ho utilizzato la pasta corta Garofalo (ve ne ho parlato in questo post)

Per 2 persone
200 gr Radiatori di Pasta Garofalo
100 gr prosciutto cotto a cubetti
cipolla
150 gr fave fresche
40 gr pecorino romano gratuggiato
1 uovo
sale e pepe

Fate sbollentare le fave in acqua salata, una volta ammorbidite scolatele e sgusciatele.
In una padella con un filo d’olio soffriggete la cipolla e aggiungete il prosciutto cotto a cubetti e poi le fave. Lasciate insaporire e nel frattempo cuocete la pasta.
Lasciate la pasta al dente e versatela nella padella con il sugo a fuoco spento e amalgamate tutto. In una ciotola sbattete le uova e aggiungete il pecorino romano e mescolate bene. Unite la pasta al condimento con le uova d mescolate. Pepate e servite subito!

Pane al Farro e Grano Saraceno

Eccomi tornata con il nuovo sito! Vi piace? Io lo adoro! Purtroppo non è stato possibile riportare tutti i vostri commenti. Ci sono bellissime novità, tante pagine e sezioni dedicate ad iniziative ed eventi particolari!!

Ricordatevi di aggiornare il vostro blogroll!!

Il pane fatto in casa è un rito magico. Acqua, farina e lievito si combinano tra loro e prendono vita sotto le vostre mani, fino a diventare un impasto morbido e soffice. Si modifica, cresce e si gonfia con il passare del tempo. E poi la ritrovate li, questa bellissima pagnotta di pane, pronta per andare in forno. E la casa si riempie di un profumo delizioso ed accogliente che pervade tutti i vostri sensi. Ebbene si.. è la prima volta che preparo il pane fatto in casa e ne sono rimasta affascinata!

pane2far

500 gr farina – preparato per pane al farro e grano saraceno Molino Spadoni

1 bustina lievito secco (che si trova all’interno della confezione)

2 cucchiai olio evo

280 ml acqua tiepida

In una ciotola versate la farina e lievito, due cucchiai di olio e poco per volta anche l’acqua tiepida. Impastate a mano o con il robot. Io ho usato il Kenwood Cooking Chef con il gancio a spirale per qualche minuto, fino ad ottenere un impasto elastico ed omogeneo. Fate lievitare l’impasto coperto da un panno oppure direttamente nella ciotola del kcc per 15 min a 28° circa.

Trasferite l’impasto in una placca da forno oliata o coperta con carta da forno e fate lievitare per altre 2 ore.

inlievitazionepanefar

lievitatopanefar

Infornate (ripiano inferiore del forno) a 200° per 30 minuti. Lasciate raffreddare e.

Scones Integrali Mirtilli e Uvetta

Qualche giorno fa mi è arrivata un’email dalla Susan G. Komen Italia, una delle più accreditate organizzazioni senza scopo di lucro basata sul volontariato, che opera dal 2000 nella lotta ai tumori del seno su tutto il territorio nazionale, chiedendomi di partecipare al food contest e realizzare una ricetta con degli specifici ingredienti che possa sposare il loro concept “A tavola con bontà e salute!”. Mi sono quindi messa subito all’opera creando dei deliziosi Scones Integrali ai Mirtilli e Uvetta!

sconesparticolare
Le ricette più votate avranno la possibilità di intervenire al Villaggio della Race for the Cure di Roma, il loro evento simbolo, una manifestazione ricca di iniziative che culmina con la tradizionale corsa di 5 km e passeggiata di 2 km.

banner180x150raceroma

Gli ingredienti della ricetta sono:
125 gr farina
125 gr farina integrale
150 ml latte di soia
50 gr burro burro
40 gr mirtilli essicati
40 gr uvetta
1 cucchiaio lievito istantaneo naturale
1 cucchiaio zucchero di canna
1 pizzico di sale

Iniziate mettere in ammollo i mirtilli e l’uvetta. Poi setacciate le due farine con il lievito, lo zucchero e un pizzico di sale. Aggiungete il burro ammorbidito e amalgamatelo con le punta delle dita. Strizzate per bene i mirtilli e l’uvetta e inseriteli nel composto, quindi il latte poco alla volta.

impastofarine impastolatte

Amalgamate bene il composto, io ho aggiunto due cucchiai di farina perché risultava troppo colloso.
Su un piano infarinato stendete l’impasto (circa 2-3 cm) e con un coppapasta o tagliabiscotti (il mio è di diametro 5 cm), ritagliate gli scones e disponeteli su una teglia rivestita da carta da forno. Spennellate gli scones con un uovo sbattuto.

teglia

Infornate a 180° per 15 minuti e lasciateli raffreddare.

sconessfornati

Sono ideali per un perfetto tè all’inglesi spalmati di burro e marmellara! Enjoy your Blueberry and Raisin Scones!

scones

scones2

Ringrazio Michela di Le Ricette di Kiki per il premio

super-sweet

Ecco le regole per “ritirare” il premio:
1- visitare e ringraziare il/la blogger che ti ha assegnato il premio
2- ringraziarlo/a nel tuo blog e creare un link al suo
3- rispondere alle domande super dolci
4- assegnare il premio a 12 blog creando i link nel post e avvisando con un commento
5- copiare e spostare il premio nel proprio blog

Qui le domande super dolci:

– Biscotti o torta? Torta forever!
– Cioccolato o vaniglia? Vaniglia
– Qual’è il tuo spuntino dolce preferito? un muffin!
– Quando hai maggior voglia di cose dolci? quando sono a dieta!
– Se tu avessi un soprannome dolce, quale sarebbe? biscottino, zucherino…

Questi sono invece i blog a cui ho scelto di regalare a mia volta il premio:
I Biscotti della Zia
Pasta e Non Solo
The Lunch Girls
Dolci e Pasticci
Machebontà
Zucchero e Farina
Virginie’s Blog
A Spasso per Ingredienti
Con un Poco di Zucchero
Bruchina in Cucina
A Tavola con Semplicità
Scorza d’Arancia

Torta di mele speziata di Gordon Ramsay

Cannella, zenzero, chiodi di garofano e noce moscata.. aggiungete le mele.. e sentirete tutto il sapore e il profumo del Natale!

tortascritta

Adoro le torte di mele, quelle alte – morbide – “melose”, ovvero più mele e meno impasto! Sono le mie preferite e quelle che cucino più spesso.. ma ancora non avevo provato la versione spicy .. e devo dire che è una bontà!
Ho trovato la ricetta sfogliando il libro di Gordon Ramsay “Un Sano Appetito” qualche mese fa e mi sono ripromessa di farla non appena sarebbe capitata l’occasione.. ed eccoci qui.. mele e spezie durante il periodo natalizio è un connubio perfetto!!

1 kg di mele (per me Golden Delicius)2 mele rosse (per me Royal Gala)
50 g di zucchero
30 g di burro
il succo di 1 limone
225 g di farina integrale175 g di zucchero di canna
1 uovo grande

50 ml di olio di oliva
1 cucchiaino e 1/2 di lievito
1/2 cucchiaino di bicarbonato di sodio
1/4 di cucchiaino di sale
1 cucchiaino di cannella in polvere
1 cucchiaino di zenzero in polvere
1/2 cucchiaino di noce moscata grattugiata
1/2 cucchiaino di chiodi di garofano in polvere
2 cucchiai di marmellata di albicocche per lucidare
1-2 cucchiai di acqua

Iniziate a preparare le mele, quelle da 1 kg, pelandole e tagliandole a cubetti. Metterle in una pentola e cuocerle a fuoco vivo per 1o minuti circa, aggiungendo il burro e lo zucchero. Una volta cotte e ridotte a purea, togliere dal fuoco e lasciar raffreddare. Come vedete dalla lista degli ingredienti, io ho saltato questo passaggio per farne una versione più leggera. Ho semplicemente preso le mele, sbucciate e grattugiate,irrorandole con il succo di limone per non farle annerire.

Mescolate la farina integrala in una ciotola con il lievito, il bicarbonato, il sale, lo zucchero e le varie spezie. Unite poi l’uovo sbattuto, l’olio, le mele e amalgamate bene.
Preparate uno stampo imburrato e infarinato (o come me con della carta da forno bagnata e ben strizzata) e versate il composto, livellatelo e cuocete a 170° per 30 minuti.

Nel frattempo pelate ed eliminate il torsolo alle mele rosse e affettatele sottilmente. Mettetele da parte in un’altra ciotola e irroratele con il succo di limone.

Passati 30 minuti, togliete la torta dal forno e disponete velocemente le fettine di mela sulla torta e versare sopra ancora un po’ del succo di limone rimasto.
Rimettete la torta in forno per altri 30 minuti (fate la stecchino sempre!!)
Togliete la torta dal forno e fatela intiepidire prima di toglierla dallo stampo.

fettascritta

Eventualmente potete scaldare la marmellata di albicocche con l’acqua e spennellare la superficie del dolce, io non l’ho fatto ed era lo stesso buonissima.. molto umida.. morbida e spicy!!